Treasure Island – 2014

TOUR 2014
SCOZIA
7/03 - Lochgelly
8/03 - Bathgate
ITALIA
18/3 Vignola – Teatro Ermanno Fabbri
19/3 Modena - Teatro Storchi
21/3 Casalecchio di Reno
22/3 Reggio Emilia
26/3 - 29/3 Milano – Piccolo Teatro di Milano Studio Melato
Spettacoli serali: 26/3 - 28/3 at 20.30 (clicca sul link per maggiori dettagli)
31/3 - 04/4 Roma - Sala Umberto
7/4 Saronno – Giuditta Pasta

Treasure Island (L’isola del tesoro)

Adattato dalla romanzo di Robert Louis Stevenson.
Diretto da Laura Pasetti

Le avventure di Jim riproducono la forma del viaggio di ricerca: un viaggio in un luogo strano e pericoloso alla ricerca di qualcosa di prezioso, durante il quale l’eroe s’imbatte in aiutanti, “guardiani della soglia” che rappresentano le prove che l’eroe deve superare con l’intelligenza, la forza, o altre prove della sua “crescita” (per esempio l’amico/nemico Long John Silver). Spesso avviene che all’eroe sia narrata l’esperienza di chi ha tentato di varcare una determinata soglia prima di lui; altre volte servono “talismani magici” (come la fatidica mappa) il “rito di iniziazione”. L’età molto giovane di Jim fa sì che la sua ricerca del tesoro sia, allegoricamente, una rappresentazione del suo cammino spirituale verso l’età adulta; non casualmente la narrazione si apre con l’evento fortemente simbolico della morte del padre di Jim. Nel corso del viaggio Jim osserva e rifiuta molte figure che potrebbero proporsi come il suo vero padre.
Il romanzo può anche essere letto come un’allegoria morale, in cui si insegna come la bramosia e l’avidità non portino che alla frustrazione. In questo senso l’immagine più intensa è quella dei pirati, che la mappa conduce a una fossa vuota che può essere letta proprio come simbolo della futilità della loro ricerca. Ben Gunn, che per alcuni mesi ha posseduto il tesoro, è quasi impazzito. Jim Stesso, una volta portata a termine la sua ricerca, appare poco interessato al valore del tesoro, perchè il vero tesoro è il percorso che l’ha condotto fino lì.

Lo spettacolo prevede una condensazione dei temi principali e la drammatizzazione della storia di Jim come un percorso che coinvolge l’intero pubblico dove la platea diventa la nave e l’isola un’evocazione del”immaginario nascosto di ciascuno di noi.

Team

Attori:
Alan Alpenfelt
Aaron Jones
Gary Quinn
Adele Raes
Lewis Roy

Costumi:
Ginevra Danielli

Scenografia:
Simona Paci

Assistante alla regia:
Nicola Ciaffoni

Luci:
Malcolm Rogan